Programma musicale della Premiazione 2023

Accompagna musicalmente la Premiazione del 10 giugno la Banda del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Programma esterno

ABBA GOLD arr. Ron Sebregts

Gli ABBA sono un gruppo musicale pop svedese ed è da sempre  il gruppo scandinavo di maggiore successo. Hanno venduto più di 400 milioni di dischi in tutto il mondo con una costante vendita e sono considerati tra i più celebri esponenti della musica pop internazionale. Il gruppo si costituì intorno al 1970 e quattro anni dopo erano già all'apice della loro carriera musicale dopo aver vinto l'edizione dell'Eurovision Song Contest nel 1974 con Waterloo. Questa sera abbiamo ascoltato due dei maggiori successi degli artisti svedesi: Dancing Queen e Mamma Mia tratti dal celebre arrangiamento per banda del maestro Ron Sebregts.

RENATO ZERO IN CONCERTO arr. Donald Furlano

Renato Zero è un cantautore e produttore discografico italiano.

Annoverato fra gli artisti italiani più popolari e di maggior successo, nel corso della sua lunga carriera ha scritto complessivamente più di cinquecento canzoni, nonché numerosi testi e musiche anche per altri interpreti. Questa sera ascolteremo un medley,  magistralmente arrangiato da Donald Furlano, composto dai sui più grandi successi quali: Amico, Triangolo, Più su, Il Carrozzone, Mi vendo ed I migliori anni della nostra vita.

MOMENT FOR MORRICONE arr. Johan de Meij

Ennio Morricone è stato un compositoredirettore d'orchestra e arrangiatore italiano. La sua carriera include un'ampia gamma di generi compositivi che fanno di lui uno dei più importanti, prolifici e influenti compositori cinematografici di tutti i tempi. Ciò che ha dato la fama internazionale a Morricone come compositore sono state le musiche prodotte per il genere del western all'italiana che lo hanno portato a collaborare con registi come Sergio LeoneDuccio Tessari, Sergio Sollima giusto per citarne qualcuno. Questa sera si vuole rendere omaggio al grande Maestro con l’esecuzione di un medley dei suoi più grandi successi del cinema western quali: Il Buono, Il Brutto e Il Cattivo; C’era una volta il West. Ascolteremo Moment for Morricone un arrangiamento per banda magistralmente elaborato da Johan de-Mey.

FRANK SINATRA HITS MEDLEY arr. Naohiro Iwai

Francis Albert Sinatra, è stato un cantanteattorecomico e conduttore televisivo statunitense di origine italiana. Considerato da molti critici musicali la più grande voce del XX secolo. Fu un personaggio molto importante e carismatico dell'intrattenimento statunitense e mondiale riuscendo ad imporsi nel panorama musicale mondiale dal periodo della grande depressione americana fino ai giorni nostri. Questa sera ascolteremo un estratto dei suoi più grandi successi come Cheek to Cheek; I Get a Kick Out Of You; Everybody Love Somebody; I’ve Got You Under My Skin e per concludere l’indimenticabile My Way…tutte queste canzoni sono magistralmente arrangiate per banda dal M° Naohiro Iwai.

MODUGNO FOR EVER arr.Giancarlo  Gazzani

Domenico Modugno è considerato uno dei padri della musica leggera italiana e uno tra i più prolifici artisti della canzone italiana. Ha vinto al Festival di Sanremo nel 1958 con la canzone Nel blu dipinto di blu  universalmente nota anche come "Volare". La composizione  è diventata una delle canzoni italiane più conosciute, se non la più conosciuta divenendo il simbolo dell’italianità nel Mondo. Questa sera ascolteremo la versione magistralmente arrangiata dal maestro Giancarlo Gazzani.

A DISNEY SPECTACULAR arr. John Moss

Disney in Concert è un meraviglioso medley che include le più belle ed indimenticabili melodie del mondo del cinema animato del genio di Walt Disney. Uno dei medley più apprezzati dal pubblico e dalla critica musicale è quello arrangiato dal musicista John Moss che con eleganza e maestosità riesce a legare melodie indimenticabili come le colonne sonore della Sirenetta, La Bella e la Bestia e Aladin.

BOHEMIAN RHAPSODY arr Giuseppe Belmonte

Bohemian Rhapsody è un singolo del gruppo musicale britannico Queen. Ottenne subito un enorme successo ed è il quarto LP più venduto di sempre nel Regno Unito. L'uscita del brano fu accompagnata da un video musicale ancora oggi ritenuto tra i più famosi e importanti tra quelli realizzati nel suo genere. Questo fu tra i primi video ad essere messo in onda nei circuiti televisivi, e contribuì a creare un nuovo linguaggio visivo nel mondo della musica. Il brano è celebre per la sua particolare struttura musicale, composta da cinque diverse parti principali: un'introduzione corale cantata a cappella, un segmento in stile ballata che termina con un assolo di chitarra, un passaggio d'opera, una sezione di stampo hard rock e un altro segmento in stile ballata che conclude su una sezione solo banda e chitarra. Questa sera ascolteremo un adattamento per banda magistralmente arrangiato da Giuseppe Belmonte.

LA VITA E’ BELLA arr. Claudio Mandonico

La vita è bella è un film del 1997 diretto ed interpretato da Roberto Benigni. La pellicola rappresenta una della più celebri opere incentrate sullo scottante tema dell’Olocausto. Vincitore di numerosissimi riconoscimenti internazionali il film fu inserito nel 1998 dal National Board of Review Pictures nella lista dei 10 miglior film stranieri. La colonna sonora firmata dal compositore Nicola Piovani fu acclamata in tutto il mondo divenendo uno dei maggiori componimenti più pregiati ed apprezzati della discografia cinematografica. Vincitore dell’Oscar come migliore colonna sonora nel 1999 il brano La vita è bella è stato successivamente ripreso con l’aggiunta del testo da parte della cantante israeliana Noa.

INNO ALLA GIOIA – INNO DELL’UNIONE EUROPEA Ludwig van Beethoven

IL CANTO DEGLI ITALIANI – INNO NAZIONALE Michele Novaro

L'Inno Europeo è l'inno ufficiale dell' Unione Europea e del Consiglio d' Europa adottato nel 1972. È costituito da un brano tratto dalla Nona Sinfonia composta nel 1824 da Ludwig van Beethoven. L’Inno viene chiamato anche Inno alla Gioia. Esso è privo di testo ed è eseguito solo strumentalmente. Nel linguaggio universale dei popoli, questo inno esprime gli ideali di libertà, pace e solidarietà, valori perseguiti dall'Europa. 

Gli inni nazionali riflettono, oggi, la solennità delle cerimonie ufficiali e ne scandiscono l’esecuzione secondo un rigido protocollo. La loro nascita racconta la passione, la speranza, il sentimento di Patria capace di rappresentare idealmente ed emotivamente l’identità di un popolo. La qualità, intesa come bellezza oggettiva del testo e della musica, non è preponderante. Un inno è, anzitutto, funzionale nel senso che deve essere avvertito dalla gente come strumento immediato di aggregazione e di appartenenza. Prima dell’Inno di Mameli, composto nel 1847, la musica che rappresentava il nostro paese era la Marcia Reale d’Ordinanza di Giuseppe Gabetti, un inno che rimase fino alla caduta della monarchia. Laddove il sommo Verdi con “Suona la tromba!” non ebbe successo, riuscì il maestro Michele Novaro con Il Canto degli Italiani. Conosciuto anche come Inno di Mameli o come Fratelli D’Italia dal suo verso introduttivo, è l’Inno Nazionale della Repubblica Italiana, adottato provvisoriamente il 12 ottobre 1946 e definitivamente il 4 dicembre del 2017.

Programma Interno (in caso di maltempo)

TRUMPET VOLUNTARY di Jeremia Clarke

TRUMPET VOLUNTARY Jeremia Clarke è un compositore ed organista inglese conosciuto soprattutto per aver composto la marcia “ The Price of Danimark”; un Rondò per orchestra o cembalo scritto nel 1699 conosciuta anche con il nome di Trumpet Voluntary.Il brano è stato scritto in onore del Principe Giorgio di Danimarca futuro marito della regina inglese Anna. Per molti anni il pezzo è stato attribuito erroneamente all'anziano e più noto contemporaneo di Clarke, Henry Purcell . L'errata attribuzione proveniva da un arrangiamento per organo pubblicato negli anni '70 dell'Ottocento da William Spark. Successivamente fu arrangiato per diverse ensemble ma quella che oggi viene eseguita per la maggiore è la versione per tromba, orchestra d’archi ed organo di Sir Henry Wood. Oggi ascolteremo una versione per  2 trombe e Banda. Trombe soliste: prof. Flavio Patella, prof. Massimo Patella.

PANIS ANGELICUS di Cèsar Franck

Panis Angelicus  è il primo verso della penultima  strofa  dell'inno  latino  Sacris solemniis, composto da San Tommaso d'Aquino. L'inno fa parte di una liturgia completa scritta dal Santo per la solennità del Corpus Domini. La strofa che comincia con le parole Panis angelicus ("pane degli angeli") è stata spesso musicata separatamente dal resto dell'inno. La versione più famosa, quella che verrà eseguita questa sera, è del compositore e arrangiatore francese César Franck il quale nel 1872  scrisse una partitura per tenoreorganoarpavioloncello e contrabbasso.

DOLCE SENTIRE di Riz Ortolani

DOLCE SENTIRE nota anche come Fratello Sole e sorella Luna è uno dei canti più affascinanti, dolci ed intensi della letteratura musicale. Fratello sole, sorella luna è un film del 1972 diretto da Franco Zeffirelli, liberamente ispirato alla vita e alle opere di san Francesco, dalla sua vocazione fino all'istituzione della regola francescana. Ha vinto il David di Donatello 1972 come miglior regia a Franco Zeffirelli ed è stato candidato all'Oscar alla migliore scenografiaLe musiche sono state affidate al compositore e direttore d’orchestra Riz Ortolani il quale, con la canzone Dolce sentire interpretata da Claudio Baglioni, raggiunge un risultato sublime riuscendo a fondere così intimamente musica e parole così da rendere il canto un messaggio luminoso di amore e di pace. 

AVE MARIA di Charles Gounod

AVE MARIA detta anche in latino Salutatio Angelica, è un canto melodico preposto al salmo ovvero una antifona  e altresì una delle più diffuse preghiere mariane della Chiesa Cattolica. Quest’ultima ha ispirato molti musicisti tra i quali ricordiamo, il compositore francese, Charles Gounod. La sua composizione Ave Maria è uno dei brani tra i più eseguiti e conosciuti al mondo.

AVE MARIA di Giulio Caccini arr. Wil van der Beek

AVE MARIA composta da Vladimir Vavilov o da Giulio Caccini? Il primo musicista russo del 1900, il secondo un compositore italiano del 1500. Era il 1972 quando Vavilov pubblicò questa Ave Maria attribuendolo ad autore anonimo. Dopo pochi mesi, nel 1973, il musicista morì. Fu così che il suo amico l’organista Mark Shakhin, uno dei primi esecutori al mondo del brano, ascrisse il brano al compositore Giulio Caccini. È un vero enigma, nessuno sa con certezza chi veramente abbia scritto questa splendida melodia. Nel frattempo essa è diventata un brano oggi presente nel repertorio di moltissimi esecutori, cantanti, cori. Questa sera ascoltiamo la melodia dal suono della tromba solista prof Flavio Patella.

AVE VERUM CORPUS di W.A. Mozart arr. Vincenzo Correnti

AVE VERUM CORPUS è un mottetto di Wolfgang Amadeus Mozart, basato sull'inno eucaristico omonimo del XIV secolo. Questa di Mozart è di gran lunga la composizione più celebre basata su questo testo. Il mottetto per coro mistoarchi e organo, è stato composto dall'autore austriaco a Baden, nei pressi di Vienna, nel 1791, pochi mesi prima della prematura morte. Nell'estate del 1791 Mozart aveva raggiunto la moglie Constanze a Baden dove lei si trovava per delle cure termali; qui il compositore scrisse in poco tempo, probabilmente fra il 17 e il 18 giugno, un breve mottetto, l'Ave Verum Corpus, affinché venisse eseguito per la solennità del Corpus Domini nella chiesa di Baden. Mozart, per sdebitarsi di alcuni favori ricevuti, dedicò il lavoro all'amico Anton Stoll, Kapellmeister e direttore del coro della parrocchia di Baden.

INTERMEZZO dall’opera CAVALLERIA RUSTICANA di Pietro Mascagni

La Cavalleria Rusticana è un’opera in un unico atto, andata in scena per la prima volta il 17 maggio 1890 al Teatro Costanzi di Roma, su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, tratta dalla novella omonima di Giovanni Verga. La trama si svolge in un piccolo paese siciliano durante il giorno di Pasqua. Significativo e ricco di espressione è l’Intermezzo musicale, posto tra la prima e la seconda scena, un vero concentrato di passionalità che sviluppa una linea melodica intima e soave.

Amazing Grace arr L. Sadownik

AMAZING GREACE è uno dei più famosi inni cristiani in lingua inglese del Settecento, cantato anche durante il periodo natalizio. La sua origine storica è raccontata nell'omonimo film diretto nel 2006 da Michael Apted. Il titolo, che significa "grazia incredibile", fa riferimento a diversi passi biblici: «Per questa grazia, infatti, siete stati salvati mediante la fede; questo non viene da voi ma è grazia di Dio; né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene.» La melodia è forse di derivazione irlandese e comparve per la prima volta tra i canti popolari d'America in una raccolta intitolata Virginia Harmony di Carrell e Clayton (1831). Questa sera ascolteremo un arrangiamento magistralmente composto dal musicista Loukas Sadownik

LA VITA E’ BELLA arr. Claudio Mandonico

LA VITA E’ BELLA è un film del 1997 diretto ed interpretato da Roberto Benigni. La pellicola rappresenta una della più celebri opere incentrate sullo scottante tema dell’Olocausto. Vincitore di numerosissimi riconoscimenti internazionali il film fu inserito nel 1998 dal National Board of Review Pictures nella lista dei 10 miglior film stranieri. La colonna sonora firmata dal compositore Nicola Piovani fu acclamata in tutto il mondo divenendo uno dei maggiori componimenti più pregiati ed apprezzati della discografia cinematografica. Vincitore dell’Oscar come migliore colonna sonora nel 1999 il brano La vita è bella è stato successivamente ripreso con l’aggiunta del testo da parte della cantante israeliana Noa.

TE DEUM di Marc Antoine Charpentier

Marc-Antoine Charpentier è stato un compositore francese del periodo barocco ed uno dei massimi esponenti della musica sacra del suo periodo tanto da essere soprannominato dai suoi contemporanei “la Fenice di Francia”. A causa del suo stile italianeggiante che difficilmente si adattava ai canoni francesi dell’epoca, la musica di Charpentier cadde presto in disuso dopo la sua morte. Solo nel XX secolo avvenne una riscoperta delle opere musicali del compositore francese tanto da divenire uno dei più noti compositori di quel periodo. Molto noto è il suo “TE DEUM” H.146 in Re maggiore per soli, coro ed orchestra. Molto probabilmente questa composizione fu scritta nel periodo che il musicista trascorse a servizio dei padri gesuiti. Il preludio è particolarmente riconoscibile da tutti in quanto è adoperato come sigla televisiva per le trasmissioni dell’Eurovisione.


 

La Banda Musicale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Viene formalmente istituita nel 2017. In precedenza, dal 1939, disponeva di una fanfara che accompagnava le cerimonie di giuramento degli allievi.

Composta da 45 esecutori, tutti provenienti dai più famosi conservatori di musica italiani, partecipa con stile e bravura alle celebrazioni pubbliche più importanti: essa rappresenta degnamente il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

L’elevato livello artistico raggiunto negli ultimi anni contribuisce a diffondere l’immagine del Corpo ed a rappresentarlo degnamente in occasioni di manifestazioni pubbliche, sfilate, concerti, riscuotendo unanime apprezzamento dalla critica ed un grande successo di pubblico.


 

Il Maestro DONATO di MARTILE

Nato a Pescara il 25-07-1974, si è diplomato in corno presso il Conservatorio “L.D’Annunzio” di Pescara con il M° Fiorangelo Orsini. Numerosi sono i concerti tenuti all’estero in Paesi quali: Australia, Canada, U.S.A., Ecuador, Malesia, Francia, Belgio, Spagna, Ungheria, Slovenia, etc… Ha conseguito il diploma in “Direzione di Banda” al corso triennale di perfezionamento presso l’Accademia musicale di Pescara con il M° Fulvio Creux. Nell’Anno Accademico 2005-06 ha conseguito il Diploma Accademico di Secondo Livello in “Discipline Musicali” presso il Conservatorio “L.D’Annunzio” di Pescara. Il 27 dicembre 2013, in considerazione di particolari benemerenze, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano gli conferisce il titolo di “Cavaliere al merito della Repubblica Italiana”. Si esibisce con tale formazione nei più prestigiosi teatri italiani.

Letto 1926 volte