CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy per il Sito Web (art. 13 D.lgs. 196/03)
Nella presente pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell’informativa resa ai densi dell’art 13 del D.lgs n° 196/2006 – Codice in materia di protezione dei dati personali - a coloro che interagiscono con i servizi web dell’azienda, accessibili per via telematica a partire dagli indirizzi:
http://www.arciconfraternitasantantonio.org
L’informativa è resa solo per il presente sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link. Visitando il sito web sopra indicato si accettano implicitamente le prassi descritte nella presente Informativa sulla Privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il Titolare del trattamento è : Arciconfraternita di sant'Antonio di Padova - P.zza del Santo, 11 - 35123 Padova
LUOGO DI TRATTAMENTO I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico dell’Ufficio incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali, la cui trasmissione è implicita nell’uso di protocolli di comunicazione internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per la loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare l’utente.
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste , l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine , errore, etcc..) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.
L’Uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitanoil ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

Facoltatività del conferimento di dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta o comunque indicati nella sezione “contatti” per sollecitare l’invio di informazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Modalità del trattamento

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione ed il blocco (si veda per completezza l’art. 7 del D.lgs 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di richiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso , per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste verranno rivolte al titolare del trattamento Arciconfraternita di sant'Antonio di Padova - P.zza del Santo, 11 - 35123 Padova . La presente costituisce la Privacy Policy di questo sito che sarà soggetta ad aggiornamento periodico.

La Sala Priorale della Scoletta del Santo

Schema di disposizione dei dipintiLa struttura

Il cuore artistico della Scoletta del Santo è rappresentato da quella che viene denominata la Sala Priorale o capitolare ovvero la sala dove, ancora oggi come nel XVI secolo, il Priore raduna gli ascritti per i momenti più solenni della vita confraternale.

La spaziosa e magnifica sala rettangolare è celebre per la sua decorazione pittorica, composta da 15 affreschi e 3 tele, dal riconoscibile percorso iconologico avente lo scopo di celebrare e far conoscere in modo semplice e immediato i pricipali elementi della predicazione evangelica del Santo di Padova, i suoi più noti miracoli e alcuni accadimenti occorsi negli anni successivi al suo ritorno alla Casa del Padre.

Centro della Sala è l'Altare sul quale viene Cristo nel Santissimo sacramento dell'Eucaristia, attorniato dai protettori della Confraternita: l'Immacolata (qui presente come statua in terracotta policroma opera del Briosco detto "il Riccio") e dai Santi Antonio di Padova e Francesco d'Assisi affrescati da Domenico Campagnola nel 1533. 

Attorno all'altare un dosale ligneo, opera cinquecentesca di Girolamo da Piacenza, circonda interamente la sala per consentire a consorelle e confratelli di poter sedere durante le adunanze. Il dossale presenta due banconi più grandi, uno dei quali sopraelevato per gli Officiali Maggiori, che hanno il compito di condurre le assemblee.

Il tutto è coronato da un ricchissimo soffitto a cassettoni policromi e dorati, intagliato da G. Cavalieri e dipinto a grottesche da Domenico Bottazzo tra il 1506 e il 1510.

Un intervento di restauro integrale, realizzato grazie ad un finanziamento della Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo dalla Veneranda Arca del Santo, è stato inaugurato nell'ottobre 2006.


Note generali sulla decorazione pittorica

Dopo aver edificato la sala per le riunioni, nel 1504, la confraternita si preoccupò di abbellirne l’interno chiamando diversi artisti a svolgere il compito. Le opere, che ricoprono interamente le pareti con 15 affreschi e 3 oli su tela, pur mostrando una differente resa qualitativa, offrono nell’insieme un ciclo dalla lettura iconologia unitaria, poiché il tema trattato riguarda la figura di sant’Antonio di Padova: dalla narrazione di alcuni dei principali miracoli all’impegno attivo nella società civile, dai giorni a cavallo del pio transito alla venerazione delle Sue reliquie.

I massari della confraternita avevano ben presente che l’iconografia è capace di penetrare nella mente della gente soprattutto di quella più semplice infrangendo le barriere del tempo con un’efficacia maggiore rispetto alle sole testimonianze scritte.

A guidare gli officiali committenti e gli artisti esecutori furono in ogni caso le opere agiografiche sul Santo quali, tra le altre, la Vita Primao Assidua scritta nel 1232, la Raymundina di poco successiva, la Benignitas e la Rigaldina scritte nel ‘300. Queste legende (in senso latino: testo da leggersi nelle riunioni liturgiche e comunitarie) furono redatte in tempi diversi, più sobria l’Assidua nella quale si trova descritto un solo miracolo in vita del Santo, più ricche di numerosi ed eclatanti prodigi le altre, soprattutto quelle trecentesche, che non si restringono a rammentare i miracoli “morali”.

In ogni caso la scelta dei soggetti riguardanti i dipinti della Scoletta è originale rispetto ai tradizionali cicli figurativi dei miracoli del Santo, perché accanto ad alcuni tra i più noti fatti miracolosi attribuiti all’intercessione di sant’Antonio, si inseriscono episodi piuttosto estemporanei e di sapore storico-devozionale, con intenti didattico-descrittivi. Non è da escludere che l’armonia iconologia di questa sala abbia ispirato anche la scelta dei temi dei bassorilievi marmorei che di lì a qualche decennio avrebbero costituito la nuova decorazione marmorea dell’altare dell’Arca del Santo in Basilica.

Tra i vari artisti che realizzarono il ciclo di affreschi Tiziano Vecellio è sicuramente il nome più autorevole, anche se troviamo altri importanti pittori che nel ‘500 si distinsero in ambito locale, quali Girolamo Tessari detto dal Santo, il già citato Domenico Campagnola (per il quale esiste qualche riserva di attribuzione, sebbene riconosciuto allievo di Tiziano), Bartolomeo Montagna, Gianantonio Corona, Filippo da Verona.

Il panorama artistico della Scoletta è particolarmente importante proprio perché offre la possibilità di mettere a confronto le diverse impostazioni stilistiche degli artisti locali, ancora strettamente legati ad un gusto tardo-quattrocentesco, con l’innovativa maniera di Tiziano, che dipinge per campiture di colore, a stento contenute dal segno. I colori del Tiziano rossi accesi accostati a blu intensi, a gialli luminosi fanno letteralmente vivere le figure dandogli quella tridimensionalità che giungerà alla piena maturità compositiva con il Rinascimento.

Nella proposizione degli affreschi si farà riferimento allo schema di numerazione recentemente riproposto dal Confratello Prof. Leopoldo Saracini – Presidente della Veneranda Arca del Santo, pubblicato in una sua guida del 2009 dalle Edizioni Messaggero Padova, qui sopra riprodotto e che costituisce il normale percorso seguito dai visitatori.

  • Visite storico-devozionali

    Queste visite con carattere storico-devozionale, della duarata di circa un'ora e mezza, possono essere organizzate per gruppi di devoti superiori alle 13 persone prendendo contatti diretti con l'Arciconfraternita del Santo.

Le opere della sala priorale