Relazione attività Anno 2014

Relazione sull’attività di sostegno alle famiglie e alle persone bisognose segnalate dalla rete di solidarietà in connessione con l’Arciconfraternita di Sant’Antonio di Padova per l'anno 2014. 

Le Opere Assistenziali o Caritative dell'Arciconfraternita rappresentano uno degli scopi statutari; queste vengono erogate collaborando, in modo particolare con le Conferenze della Società "San Vincenzo de' Paoli" e con le CARITAS parrocchiali.

I criteri per la richiesta di un intervento delle nostre Opere Assistenziali Antoniane si possono così riassumere

E’ possibile provvedere ad alcuni interventi assistenziali per famiglie bisognose grazie all’iniziativa del Pane Benedetto di Sant’Antonio, che viene proposto ogni prima domenica del mese (esclusa la prima domenica di agosto) sul sagrato della Basilica di S. Antonio dalle ore 11.00 alle ore 13.15, e grazie al generoso contributo di alcuni benefattori come la Fondazione CARIPARO.

Gli interventi:

1. sono rivolti alle famiglie, ai minori e alle persone sole che versino in condizione di reale, noto e riconosciuto bisogno materiale;

2. non si provvede all’erogazione di denaro bensì al pagamento diretto di quelle spese che riguardino l’intero nucleo familiare (affitto, utenze dell’energia elettrica, del gas, dell’acqua, spese condominiali, ecc.). Non sono prese in considerazione tasse automobilistiche e/o assicurazioni, né cambiali o altri titoli di credito.

L'intervento, che potrà essere ripetuto nel corso dell’anno, dovrà contenersi entro il tetto massimo di € 100. Le bollette di entità superiore non potranno essere pagate se non con un’integrazione in denaro da consegnare in contanti in allegato alla richiesta di intervento.

Dopo accordi telefonici le “bollette” dovranno essere inviate in originale, a mezzo posta o consegnate direttamente presso l’Ufficio Informazioni della Basilica del Santo in busta chiusa a noi indirizzata.

Ogni bolletta deve essere accompagnata dalla Scheda Assistito debitamente e completamente compilata. Si darà corso ad interventi che sono stati preventivamente concordati telefonicamente e/o che contengano la scheda di segnalazione compilata in ogni sua parte. A pagamento avvenuto si provvederà a rispedire alla famiglia beneficiaria la ricevuta di pagamento.

Le segnalazioni potranno giungere durante tutto il periodo dell’anno secondo necessità. Il nostro intervento è del tutto discrezionale e basato sulle disponibilità finanziarie contingenti. Non essendoci una struttura stabile di segreteria che possa garantire un’adeguata accoglienza, i contatti dovranno essere  esclusivamente mediati attraverso le strutture parrocchiali competenti.

La rete attiva per la solidarietà consiste in 6 punti di recezione così divisi nell’analisi dei dati del 2014.

  1. San Vincenzo de' Paoli con 40 interventi distribuiti in 8 sedi operative, da segnalare Pontevigodarzere con 11 interventi e con una media di 5 interventi per sede.
  2. Beati i Costruttori di Pace con 3 interventi
  3. Parrocchie n°4 con 17 interventi
  4. Caritas Parrocchiale con 27 interventi
  5. Varie (intesa come interventi dei singoli Confratelli) 8 interventi
  6. Suora del Don Bosco con 6 interventi

Totale 101 interventi distribuiti in numero maggiore alle famiglie e a persone rimaste sole. Vi è una ripetizione dell’erogazione del sostegno alle famiglie e alle persone sole in quanto sono o senza lavoro e/o affetti da malattie croniche, solitudine e vecchiaia. Questo dato conferma la difficoltà sociale dell’assistito ad essere autonomo o di avere delle possibilità di ripresa.

a cura della Commissione coordinata dalla Consorella Antonietta Sambin de Norcen

e approvata dal Consiglio direttivo nella seduta del novembre 2015

Letto 859 volte
Pubblicato in Opere assistenziali